IL CATANIA CALA IL TRIS: tutto facile contro il Bisceglie, seconda vittoria di fila

0
460

>>>Clicca qui per visualizzare il tabellino e le statistiche della partita<<<

Netta affermazione del Catania ai danni del Bisceglie. Finisce 3-0 il match disputato a Lentini e valido per il recupero della 10/a giornata. Convincente vittoria rossazzurra al cospetto di un avversario che prova a sfruttare la freschezza atletica di un undici prevalentemente giovane con qualche discreta individualità. Ma il Catania non ha incontrato grosse difficoltà, manovrando con ordine ed equilibrio tattico, senza concedere granchè agli ospiti.

Già al 4′ il Catania passa. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Maldonado, cross in mezzo e Sarao – preferito inizialmente a Reginaldo – con uno stacco aereo imperioso ruba il tempo al diretto marcatore infilzando Russo. Match subito in salita per il Bisceglie che tenta di reagire attraverso qualche guizzo di Musso e Mansour. Il Catania, comunque, non corre rischi sostanziali ad eccezione del pericoloso destro di Maimone deviato in angolo (7′). Al 20′ Confente si fa trovare pronto sul tentativo di Musso. I rossazzuri rispondono con Welbeck (31′) e qualche sortita offensiva molto interessante sull’asse Pinto-Biondi. Un paio di minuti prima dell’intervallo matura il 2-0. Bella sgroppata di Pinto, palla in mezzo, Maldonado vede e serve Calapai che s’inserisce in area e fulmina Russo per il 2-0. Finalizzata una splendida azione corale.

Nel corso della ripresa l’allenatore Bucaro si fa espellere a seguito dell’ennesima protesta all’indirizzo del direttore di gara. Aumenta la tensione, il Bisceglie si riversa nella metà campo etnea ma la fase difensiva della squadra di Cristaldi è pressochè perfetta. Il Catania rifiata un pò, fa sfogare i biscegliesi e quando decide di premere sull’acceleratore si rende pericoloso. Come al 52′, quando il colpo di testa a botta sicura di Biondi viene miracolosamente deviato in corner da Russo. Pregevole anche l’iniziativa di Pecorino (56′) con palla alta sopra la traversa, non di molto.

Lo stesso Pecorino effettua una bella giocata al 68′, entra in area ma non riesce a concludere con la necessaria potenza. I nerazzurri stellati, in inferiorità numerica per il doppio giallo a Musso, concludono dalla distanza in un paio di circostanze grazie al neo-entrato Sartore e fanno poco altro, senza impensierire Confente. La difesa ospite concede varchi invitanti ai rossazzurri che ne approfittano, inserendosi in maniera letale negli spazi. Nel finale arriva il terzo gol del Catania. Sul cross dalla destra Biondi colpisce di testa in tuffo, trovando la miracolosa parata di Russo: la palla poi carambola su Priola e finisce in rete. Cinque i minuti di recupero concessi dall’arbitro, ultima chance per Piovanello che va vicino al poker. Al triplice fischio il Catania può festeggiare tre punti assolutamente meritati dopo avere dominato per lunghi tratti dell’incontro.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***