CATANIA: il cambio del rigorista può essere una soluzione?

0
961

Trasformare la massima punizione, qualcosa che non è mai così semplice come potrebbe sembrare. Occorre infatti il giusto mix di quattro ingredienti fondamentali: la freddezza, la tecnica di tiro, la potenza ed in infine la fortuna. Ultimamente per gli etnei alcune di queste componenti non si sono rivelate propizie, non a caso su tre rigori calciati solo uno è stato concretizzato in modo diretto. Gli errori recano il nome di Manuel Sarao. L’attaccante milanese ha sbagliato sia in occasione del match con la Viterbese (anche se contro i laziali è riuscito a ribadire in rete la respinta del portiere) che al cospetto della Casertana (in quest’ultimo caso invece l’errore si è rivelato determinante nell’economia generale dell’incontro).

Realizzare un calcio di rigore è vitale per qualsiasi squadra di calcio, a maggior ragione se si vogliono perseguire obiettivi importanti. In casa Catania, allora, potrebbe essere utile riconsiderare il tiratore designato dagli undici metri; la rosa a disposizione di mister Raffaele è piena di calciatori di indubbie qualità offensive in grado di poter fare la differenza in questo fondamentale, basti pensare ai vari Piccolo, Maldonado, Pecorino, RussottoReginaldo. Appare dunque assolutamente necessario invertire al più presto questa tendenza negativa, magari apportando proprio un cambio nelle gerarchie dei rigoristi perché si sa che i grandi traguardi si raggiungono anche attraverso le occasioni più semplici.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***