SCONTRI DIRETTI: situazione Catania in attesa delle gare decisive con Catanzaro, Foggia e Casertana

0
580

A sei giornate dal termine della regular season, il Catania si ritrova in settima posizione a quota 46 ma, con 18 punti disponibili, tutto può ancora succedere e quindi proviamo a fare il punto della situazione in chiave playoff analizzando gli scontri diretti (fondamentali in caso di arrivo a pari punti) che gli etnei hanno disputato con le prime 8 del torneo.

Escludendo la Ternana (ormai ad un passo dalla meritata Serie B), consideriamo innanzitutto l’Avellino, ultima squadra affrontata dagli etnei. Gli irpini si trovano al secondo posto a quota 60 punti e, salvo clamorosi colpi di scena, sembrerebbero poter blindare la propria posizione in classifica. Nei confronti coi biancoverdi, comunque, i rossazzurri nutrono un vantaggio significativo avendo conquistato il bottino pieno sia all’andata che al ritorno. Al “Partenio-Lombardi” gli uomini di mister Raffaele si imposero 2-1 grazie all’autogol di Miceli ed all’inzuccata di Pecorino, prima di subire nel finale la rete dell’ex Maniero. A Catania, invece, la doppietta iniziale di Russotto ed il rigore a tempo scaduto di Sarao hanno legittimato la vittoria catanese (inutile il penalty di D’Angelo).

Dietro agli irpini, a 54 punti, troviamo il Catanzaro. I giallorossi sono reduci da quattro risultati utili consecutivi (1 pareggio e 3 vittorie) che ne hanno rilanciato le ambizioni in classifica. Nei confronti con le aquile calabresi, il bilancio è ancora incerto con il pareggio del “Massimino” targato Di Massimo-Manneh. Sarà dunque importantissimo vincere la sfida del 14 Aprile al “Ceravolo” non solo per i punti in palio ma anche per portarsi in vantaggio negli scontri diretti.

Ad una sola lunghezza dai giallorossi, ecco il Bari. I galletti sono sicuramente la grande delusione di questo torneo con un modestissimo quarto posto che non può soddisfare la ricca proprietà De Laurentis. Contro il Bari gli etnei hanno un bilancio sfavorevole con un pareggio ed una sconfitta. Al “San Nicola” i rossazzurri si portarono addirittura in vantaggio grazie all’autorete di Ciofani prima di essere raggiunti, alla fine del primo tempo, da Di Cesare. Nella ripresa l’incredibile tracollo ospite diede il là alla goleada pugliese con l’autogol di Claiton e le successive reti di Montalto e Citro che fissarono il punteggio sul 4-1 finale. Al “Massimino” il Catania avrebbe meritato qualcosa in più del pari ma alla fine gli uomini di Raffaele pagarono un brutto primo tempo con il vantaggio degli ospiti siglato da Cianci. Nella ripresa gli etnei fecero di tutto per ribaltare il risultato e, dopo il gol di Sarao, ebbero anche la grandissima opportunità di conquistare la vittoria con un calcio di rigore al minuto 92. Dal dischetto però Dall’Oglio fu ipnotizzato da Frattali che blindò il risultato sull’1-1.

In quinta posizione, a +3 sul Catania, c’è la Juve Stabia. Le Vespe, che devono ancora riposare, hanno un bilancio sfavorevole negli scontri diretti avendo ottenuto un pareggio ed una sconfitta. Sul neutro di Lentini, all’Elefante bastò una rete di Tonucci (e gli ottimi riflessi di Martinez) per avere la meglio sui gialloblu. A Castellammare, invece, l’ingresso di Maldonado nei secondi 45 minuti fu provvidenziale, perché grazie alla sua punizione gli etnei riuscirono a replicare al vantaggio siglato da Scaccabarozzi e ad uscire indenni dal “Romeo Menti”.

La sesta classificata è una neopromossa dal glorioso passato: il Foggia. Contro i satanelli vige per adesso solo il risultato dell’andata che sorride ampiamente agli etnei. In una delle (poche) partite dominate dall’inizio alla fine, i rossazzurri si portarono meritatamente in vantaggio grazie alla rete di Dall’Oglio prima di essere raggiunti da Dell’Agnello. Nella seconda frazione di gioco la splendida combinazione Russotto-Piccolo consentì all’ex Cremonese di fissare il risultato sul 2-1. Vittoria che dovrà essere salvaguardata anche nell’ultima giornata quando allo “Zaccheria” i rossoneri accoglieranno i siciliani.

In ottava posizione, a -4 dagli etnei, troviamo il Teramo. Gli abruzzesi in questa stagione sono stati una vera e propria bestia nera, ottenendo sia all’andata che al ritorno delle clamorose vittorie. Al “Gaetano Bonolis” il gol di Ilari a pochi secondi dal fischio d’inizio sancì la terza sconfitta stagionale per gli etnei mentre, al “Massimino”, il Catania più deficitario dell’intero campionato non riuscì a replicare all’incredibile autogol di Confente.

Ad un punto di distanza dagli aprutini spicca la Casertana. I falchetti sono riusciti a rimediare ad un pessimo inizio di stagione, dove avevano conquistato appena 3 punti in sette gare, occupando il nono posto. A Caserta i campani riuscirono ad imporsi con un rocambolesco 3-2. Al vantaggio di Turchetta rispose Antonio Piccolo, prima dell’uno-due targato Carillo-Cuppone. Nel finale il Catania fallì un calcio di rigore con Sarao e poi accorciò le distanze con Manneh. Il 18 Aprile al “Massimino”, per portarsi in vantaggio negli scontri diretti, il Catania dovrà vincere con almeno 2 gol di scarto.

L’ultima posizione utile in chiave playoff è occupata da un’altra neopromossa: il Palermo. I derby di quest’anno sono risultati alquanto indigesti ai colori rossazzurri con l’onta della sconfitta al “Massimino” (0-1, decisivo il gol di Santana) che difficilmente potrà essere accantonata dalla tifoseria. Al “Renzo Barbera” un Catania in difficoltà riuscì a pareggiare il gol di Kanoute con il catanese doc Emanuele Pecorino (al primo gol tra i professionisti). Nel complesso quindi anche in questo caso il bilancio è negativo con un pareggio ed una sconfitta.

Di seguito il riepilogo degli scontri diretti (in grassetto quelli al momento favorevoli):

Avellino: 2 vittorie (2-1, 3-1)

Catanzaro: 1 pareggio (1-1, ritorno ancora da giocare)

Bari: 1 sconfitta ed 1 pareggio (1-4, 1-1)

Juve Stabia: 1 vittoria ed 1 pareggio (1-0, 1-1)

Foggia: 1 vittoria (2-1, ritorno ancora da giocare)

Teramo: 2 sconfitte (0-1, 0-1)

Casertana: 1 sconfitta (2-3, ritorno ancora da giocare)

Palermo: 1 pareggio ed 1 sconfitta (1-1, 0-1)

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***