MIGNANI (all. Bari): “Gara tosta a Catania, etnei pericolosi da metà campo in avanti. Abbiamo entusiasmo e fame”

0
610
foto SSC Bari

L’allenatore del Bari Michele Mignani interviene in conferenza stampa quando si avvicina la trasferta di Catania:

Dobbiamo ragionare pensando di preparare una partita per vincere sempre, che si giochi in casa o trasferta. Poi ogni gara ti mette di fronte a delle difficoltà e ad un avversario, noi dobbiamo cercare di lavorare per andare oltre le difficoltà. Stiamo lavorando per questo, mettendoci nella testa la mentalità di provare a vincere dappertutto. Finora nei secondi tempi c’è stata una crescita fisica nella squadra che può essere associata ad un calo dell’avversario, ma io credo che forse gli approcci ai primi minuti siano stati più complicati”

Il Catania è una squadra formata da calciatori di categoria in tutti i reparti, solida, esprime anche una buona idea di calcio con giocatori vivaci e molto pericolosi da metà campo in avanti. Mi aspetto un Catania che vorrà provare a batterci, giocherà in casa, viene da una sconfitta a Pagani immeritata, in casa aveva vinto bene contro l’Andria. Mi aspetto una gara tosta, difficile, come del resto tutti gli incontri del campionato e noi dovremo lavorare molto sulla mentalità provando a mettere sotto l’avversario facendo la partita dall’inizio. Non è un esame della verità, qui ogni settimana c’è un esame a prescindere dall’avversario”

“Baldini dice che non c’è migliore avversario per il Catania domenica? A volte gli allenatori dicono delle cose per alzare gli stimoli. Baldini è un ottimo allenatore e sa come motivare la sua squadra, chiunque affronti il Bari ha motivazioni altissime. Sarà la terza trasferta in quattro partite per noi e sono contento che capiti il Catania, c’è da fare un viaggio abbastanza lungo ma vogliamo arrivarci con grande entusiasmo e fame. Non abbiamo fatto ancora niente, se pensassimo di essere diventati bravi faremmo un errore. Dovremo affrontare il match con lo spirito giusto”

Io alleno un gruppo affiatato che lavora per un obiettivo unico, fare punti sempre. Il campionato è ancora lungo, conta arrivare come si deve arrivare alla fine. I ragazzi mi stanno mettendo ancora più in difficoltà nelle scelte rispetto alla scorsa settimana, anche i nuovi si stanno allineando alla condizione generale della squadra, hanno portato entusiasmo e qualità nell’allenamento. Sono tranquillo perchè chiunque scende in campo è gente pronta da mandare in campo, che sa quello che deve fare e può alzare l’asticella e la qualità della squadra”

“Nel 98-99% dei casi le vittorie si conquistano attraverso le prestazioni, queste contemplano una serie di fattori che sono la cattiveria agonisica, la mentalità, la fame, la parte tattica. Dobbiamo cominciare a portare dentro questi elementi. E’ dfficile vincere una patita non meritandolo. Può capitare qualche volta, anche di perdere non meritandolo ma alla fine se fai le cose giuste secondo me è più facile ottenere risultati. Sarò contento se avremmo vinto ma so che per vincere bisogna metterci qualcosa di concreto e serve equilibrio”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***