OTTOBRE ROSSAZZURRO: in archivio un mese ampiamente positivo sul campo

0
159

Analizziamo il percorso degli etnei nel mese che sta per concludersi. Sul campo, l’Ottobre rossazzurro è stato un periodo ampiamente positivo, visto che l’Elefante ha inanellato una serie di cinque risultati utili consecutivi frutto di 3 vittorie e due pareggi. Gli undici punti conquistati sui quindici disponibili hanno rilanciato le ambizioni della compagine etnea che, in attesa della penalizzazione, attualmente si trova in piena zona playoff occupando il 10ª posto in classifica in coabitazione con Campobasso e Picerno (ma sfavorite per differenza reti).

Proprio contro i lucani è incominciato questo momento magico con gli etnei che hanno conquistato i 3 punti al “Donato Curcio” (prima partita professionistica disputata all’interno dell’impianto potentino) grazie al rigore realizzato da Luca Moro al minuto 80. Dopo la prima vittoria lontano dalle mura amiche, il Catania è riuscito a ripetersi anche contro la Juve Stabia dell’ex Novellino approfittando ancora una volta dello straordinario stato di forma del suo numero 24 che con due gol ed un assist ha domato le vespe. Successivamente i delicati confronti con Virtus Francavilla ed Avellino hanno instillato nuove certezze ed ulteriori motivazioni alla truppa etnea che, nonostante la caotica situazione societaria, è comunque riuscita a conquistare altri due punti.

Contro i biancazzurri il solito Moro, su rigore, ha reagito al vantaggio dei padroni di casa firmato da Delvino, mentre nel turno infrasettimanale gli irpini hanno rimontato per due volte i padroni di casa: prima è stato Plescia a rispondere a Moro e poi, ad appena tre minuti dal novantesimo, Silvestri ha ristabilito nuovamente la parità dopo la marcatura di Claiton ad inizio secondo tempo. Nonostante la beffa finale, gli applausi scroscianti del “Massimino” ed i cori di sostegno indirizzati ai giocatori hanno fatto emozionare squadra e tecnico, in grado di ripagare questo profondo e sincero amore vincendo per 4-1 sul campo del neopromosso Monterosi con intelligenza, sagacia tattica e cinismo.

Sugli scudi ancora il giovane bomber classe ‘01 che con altre 2 reti (terza doppietta stagionale e quota 10 gol fatti) ed 1 assist si è nuovamente issato ad MVP dell’incontro. Da segnalare inoltre la splendida punizione di Russini per il momentaneo 2-0 e, per la prima volta in stagione, l’ingresso nel tabellino dei marcatori di Freddi Greco che di fatto ha chiuso la contesa, riaperta momentaneamente dal rigore di Polidori, ed ha coronato nel migliore dei modi un periodo ampiamente positivo per l’italo-malgascio. I risultati sono stati ampiamente diversi rispetto al mese precedente, sintomo forse di una maggiore consapevolezza dei propri mezzi e del raggiungimento delle giuste certezze tecnico-tattiche che hanno reso questo Catania molto più compatto, determinato e coeso. Una squadra composta da uomini veri e ben più forte delle vicissitudini extracalcistiche.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***