PAROLA AI TIFOSI – Liotrizzati: “Arbitro? Squadra? Il gran nocciolo della questione è la proprietà…”

0
672

Pensiero social dei Liotrizzati, noto gruppo di sostenitori che segue tradizionalmente il Catania dalla Curva Sud del “Massimino”, con critiche rivolte soprattutto alla proprietà del club dopo la quarta sconfitta in campionato dei rossazzurri, stavolta piegati tra le mura amiche dalla Turris:

“Possiamo stare qui a parlare dei limiti della squadra, dell’assetto sbagliato che ha scelto il mister, tenendo conto dell’impegno che mettono e degli errori che fanno. Possiamo stare qui a parlare ore di un arbitraggio, l’ennesimo, scandaloso. Possiamo parlare di tutto ciò che vogliamo, ma questa è la serie C. Questa è la serie C quando una squadra viene allestita con 4 lire perché la proprietà non è idonea a gestire una squadra sportiva. Questa è la classe arbitrale che sorbiremo fino alla fine del campionato, fatta di gente scandalosamente inidonea, impreparata e totalmente carente di personalità. Ma i nodi quelli veri, il gran nocciolo di tutta la situazione non è l’arbitro, né la squadra. É la proprietà

“Non per suonare sempre e solo questo accordo, ma carusi è un dato di fatto. Va da registrare tutto a monte. Alla loro incapacità conclamata di gestire una società sportiva, alla totale mancanza di idee su come programmare una stagione. Alla incredula passività nel cercare un compratore e metterlo al proprio agio per comprare. E non parliamo di tappeti rossi. Che si siano fatti avanti alcuni personaggi pronti ad entrare, è il segreto di pulcinella. Ma sul perché ogni volta sia saltata qualsiasi partecipazione o co azionariato, è un segreto di stato. Ma se tutto andrà a puttane, pretendiamo che venga detto tutto e che si finisca con le moine e col ‘I tifosi pensino al campo'” 

“Il campo, spesso, è lo specchio dell’operato della società. Ah, ma noi non abbiamo una società… Abbiamo un amministratore unico che opera per conto di un’altra società che detiene la proprietà del Catania. Nessuna carica, nessuna programmazione, nessun piano industriale, nessuna figura competente in articolazioni del Catania. E pretendete cosa? Rispetto dalle istituzioni? Dai tifosi? Da chi esattamente? E voi cosa mostrate per avere questo? Giusto per saperlo. Una cosa dovete fare, adesso più che in passato. VENDERE. O regalare, o svendere, chiamatela come volete…che col vostro tirare a campare, non si arriva manco a Natale”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***