FERRARO: la missione Catania è cominciata. I cardini del suo credo calcistico

0
1265

Con il primo atto ufficiale da allenatore del Catania SSD andato in archivio, per Giovanni Ferraro è cominciata l’esperienza alle falde dell’Etna da guida tecnica. In conferenza stampa prima e successivamente nel raduno sul rettangolo verde di Ragalna, il mister campano ha già fatto intendere quali siano i cardini del proprio credo calcistico.

Nella sua concezione di competizione sportiva prima di schieramenti tattici, strategie e competenza tattica ci sono ben altri valori da analizzare. Primo tra tutti l’aspetto motivazionale, la determinazione del singolo e la compattezza del gruppo squadra e ancora la qualità tecnica: più volte Ferraro ha sottolineato il concetto secondo il quale più calciatori forti ci sono in squadra, meglio è per il buon esito della stagione. A lui spetta il compito di far rendere al meglio ciascun elemento della rosa abbinando il giusto vestito (un modulo tattico che possa adattarsi bene alle caratteristiche dell’undici tipo). In Serie D ci vorrà grande corsa e fiato, e per questo ci si affiderà agli Under che sono l’ago della bilancia quando si tratta di vincere i campionati. Poi naturalmente anche i colpi dei “fuoriclasse” della categoria avranno il loro peso specifico, soprattutto considerando il fatto che spesso tra i pali gli avversari opporranno giocatori molto giovani.

Pur essendo pregnante in carriera l’uso del 4-3-1-2 che sia espressione della qualità di un trequartista dotato di piedi “intelligenti” e capaci di fungere da regista aggiunto al gioco offensivo, si può ipotizzare un Catania ermetico utilizzando un termine caro all’ex tecnico rossazzurro Cristiano Lucarelli, capace di cambiare volto adottando più soluzioni tattiche. Comunque si farà presto a capire quali saranno i progetti dell’allenatore per la sua missione promozione in terra isolana.

Motivazioni, qualità e fiducia nei propri mezzi. L’esperienza conta, Ferraro lo sa bene e quanto fatto a Giugliano sarà un punto di partenza per vincere anche a Catania. Temperamento, applicazione e partecipazione attiva, sposando non soltanto un progetto tecnico ma anche la città. La missione è cominciata.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***