VERSO TARANTO-CATANIA: arbitra Gasperotti della sezione di Rovereto. Curiosità, precedenti e statistiche della direttrice di gara

0
1433
foto AIA Rovereto

Sono stati designati gli arbitri per la 28/a giornata del campionato di Serie C. La partita Taranto-Catania, in programma sabato pomeriggio con fischio d’inizio alle 16:15, sarà diretta da Silvia Gasperotti della sezione di Rovereto, coadiuvata dagli assistenti Alessio Miccoli (Lanciano) ed Edoardo Maria Brunetti (Milano). Quarto ufficiale Stefano Nicolini (Brescia).

Si registra un precedente da direttrice di gara con il Catania, risale al 16 ottobre 2022: i rossazzurri riuscirono ad imporsi per 2-1 sul campo della Mariglianese, in Serie D, con le reti siglate da Mattia Vitale e Giuseppe De Luca, quest’ultimo andato a segno su rigore dopo il momentaneo pareggio campano a firma di Mendigutxia.

Curiosità: la signorina Gasperotti ha esordito ufficialmente in campo internazionale martedì 28 giugno 2022, essendo stata chiamata a dirigere la gara di qualificazione alla FIFA Women’s World Cup 2023 tra le Nazionali dell’Estonia e del Kazakhstan. In precedenza aveva già diretto oltre confine un’amichevole femminile, organizzata dalla FIGC, tra l’Italia U19 e la Spagna U19. Il 19 marzo dello scorso anno ha debuttato in Serie C, in occasione della partita Fiorenzuola-Pontedera, valida come 14/a giornata del girone B. Sedeva sulla panchina del Fiorenzuola mister Luca Tabbiani, la sua squadra venne travolta per 0-4 con tripletta dell’ex attaccante rossazzurro Francesco Nicastro.

L’arbitro, inoltre, fu protagonista di un episodio particolare quando, nel 2015, in Eccellenza decise di ammonire i calciatori del Comano Fiavè Nicola Donati e Adriano Francescotti, a seguito di proteste dopo l’assegnazione di un calcio di rigore contro. Fin qui nulla di strano. La sorpresa arrivò dal Giudice Sportivo, decidendo di squalificare per due giornate i calciatori – come se fossero stati espulsi – «per avere, in reazione, disapprovato il provvedimento di ammonizione e proferito all’indirizzo della direttrice di gara diversi gravi insulti». Decisione inconsueta – almeno a livello di calcio minore – quella di rivedere i provvedimenti dell’arbitro, ma che il Giudice Sportivo ha preso ai sensi dei commi 4 e 9 dell’articolo 19 del Codice di giustizia sportiva.

Passiamo alle statistiche in Serie C dell’arbitro, che ha diretto in questa categoria appena 9 gare (Coppa Italia compresa) estraendo 35 cartellini gialli e 0 cartellini rossi, fischiando 2 calci di rigore. Il bilancio aggiornato delle partite dirette in C è di 3 vittorie per le squadre di casa, 1 pareggi e 5 successi per le formazioni impegnate in trasferta. Bilancio, dunque, leggermente favorevole a chi gioca in trasferta.

Considerando le sole gare del girone C di Serie C, invece, ha diretto 2 incontri estraendo 9 cartellini gialli, 0 rossi senza concedere rigori con un bilancio di un successo casalingo ed un acuto esterno. L’ultimo confronto del raggruppamento meridionale arbitrato è Messina 2-0 Sorrento, sfida risalente al 14 febbraio scorso.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***