LA VECCHIA: “Catania, ci sono calciatori inadatti alla categoria. Quando si cambia tanto…”

0
1506

Intervento di Tino La Vecchia (tifoso del Catania, scrittore ed opinionista) nel corso di ‘Calcionate – I Commenti in Casa RossAzzurra’ a Globus Television, in vista del match casalingo col Giugliano:

“Le cose nel calcio non succedono per caso. Dopo la vittoria di Giugliano, il Catania ha fatto 18 punti in 18 gare, e non è che la situazione fosse eccellente alla fine del girone d’andata. Quando si cambiano tanti calciatori con preparazioni atletiche differenti, che non si conoscono tra di loro, non hanno fatto il ritiro assieme, cosa volete che esca fuori? Quando un allenatore come Lucarelli non si sa per quali motivi, diciamo per il vezzo o vizio di cambiare e alternare le formazioni, i calciatori magari più in forma non li fa giocare, i risultati devono essere per forza questi. Speriamo che il Catania vinca la Coppa Italia, perchè il Padova è crollato. Ha fatto 2 punti in 4 partite. Fermo restando che prima bisogna pensare alla partita col Giugliano, fondamentale, da giocare a porte chiuse e questa è una mazzata per il Catania, chiamato a fare presto i punti necessari per tirarsi fuori dalla zona calda. Bisogna tenere gli occhi bene aperti in classifica”.             

Il Giugliano verrà a Catania per vincere. Il Catania farebbe bene a mirare alla vittoria ma senza scoprirsi e rischiare di rimanere a mani vuote. Tra Padova e Turris le gare sono cambiate quando è entrato Peralta, perchè non dargli maggiore spazio? Purtroppo ii girone C di Serie C è livellato in basso, così livellato che tutti possono perdere con tutti. Devi, quindi, giocare con la grinta che deve essere messa in tutte le gare del girone C. I tocchetti fine a se stessi non bastano e dei calciatori non sono adatti per questa categoria, soprattutto per un progetto come quello del Catania”.

Alcuni calciatori hanno deluso in maniera profonda, io una lira su questi giocatori venuti a gennaio non l’avrei scommessa, purtroppo anche stavolta non mi sono sbagliato. Per il futuro servono innesti differenti. E’ chiaro che bisogna ripartire da calciatori come Monaco, lui deve essere il perno della difesa. Ndoj cos’ha fatto da quando è venuto a Catania? A Torre del Greco ha toccato una palla e l’ha sbagliata, a Padova ha favorito la rete dell’1-0 commettendo un errore. Chiricò, invece, possiede enorme qualità ma non ha mai capito che il calcio è un gioco di squadra, non per solisti”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***