LO MONACO: “Mercato in uscita, trattative non semplici. Se sarà B, 2-3 innesti e dovranno preoccuparsi anche del Catania”

0
1202

L’Amministratore Delegato del Catania Pietro Lo Monaco torna sul tema sempre attuale di un possibile ripescaggio dei rossoazzurri in Serie B, soffermandosi anche sul calciomercato in uscita. Queste le parole di Lo Monaco evidenziate da TuttoCalcioCatania.com:

“La sentenza pro Novara ha rimesso in concorso anche il Catania. In virtù di questa e delle defezioni che ci sono state in Serie B si è stilata una classifica dove il Catania è primo, dato inconfutabile. Oggi c’è un appello presentato dalle eventuali controparti, noi dobbiamo giocoforza attendere il risultato dell’appello. Mi sembra che le basi su cui si è poggiato il ricorso del Novara siano più che solide e legittime. Riteniamo che possa andare tutto bene ma non ci vogliamo pensare tanto, perchè poi dopo vogliamo anche ripartire comunque vada con uno spirito propositivo. Se dovesse essere B, saremmo pronti”.

“In caso di C giocheremo alla morte per raggiungere il traguardo che ci siamo posti davanti. Aspettiamo con serenità. Ci siamo un pò dovuti fermare sul mercato per eventuali nuovi arrivi. Per la C siamo quasi a posto, in B invece potremmo avere bisogno di 2-3 innesti ulteriori ma soltanto per cercare di essere più competitivi ancora perchè, con l’organico attuale, i giocatori sono stati scelti per fare un campionato competitivo in C ed eventualmente per essere all’altezza della situazione in B. Prova ne sia che tutti hanno contratti pluriennali. Nel momento in cui arriveremo in B, dovranno preoccuparsi anche del Catania…”.

“Mercato in uscita? Ci sono delle trattative in corso non semplicissime. I giocatori hanno un determinato ingaggio, le società possibilità più e meno accentuate. E c’è una grande realtà. Le norme hanno limitato le liste. Noi abbiamo avvisato per tempo tutti i nostri calciatori, oltre quei 14 Over si resta fuori lista e non è mai bello per nessuno. Significa un pò morire. Conviene a tutti trovare la maniera giusta per continuare la propria attività”. 

“Non vedo un clima di ostilità nei confronti del Catania. Anzi molti addetti ai lavori ci stanno aspettando. Ho risentito anche tanta gente della Serie A. Mi riempiono di soddisfazione queste cose, ma la soddisfazione più grande sarà vedere la felicità della nostra gente che si riapproprierà di un territorio più consono al suo valore, anche se la B sarebbe comunque un pò stretta”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***