GRAVINA (Pres. Lega Pro): “Riforma campionati madre di tutti i problemi, siamo compatti ed in sinergia con il governo”

2
587
Gabriele Gravina

Si è concluso l’incontro con i presidenti di AIC, Lega Dilettanti, Lega Pro e AIA da un lato, il Sottosegretario Giancarlo Giorgetti dall’altro. Il numero della Lega Pro Gabriele Gravina ne ha parlato, ai microfoni di RMC Sport:

“Siamo compatti e consapevoli che dobbiamo dare una governance compatta. Dobbiamo parlare con tutti e alla fine tireremo le somme: chi avrà il maggior e miglior consenso per la presidenza della Figc sarà candidato e tirerà le fila. Cercheremo un dialogo con le leghe di A e B ma anche con gli allenatori. I capisaldi del vostro progetto? Anzitutto la madre di tutte le problematiche, la riforma dei campionati. Oggi ci sono tanti problemi nel calcio italiano che bisogna affrontare: uno per volta, a cominciare dalle licenze nazionali, che consentono ancora il non rispetto di alcuni equilibri di gestione in alcune società”.

“E poi dobbiamo insistere moltissimo sulla riduzione del mondo professionistico con l’introduzione del semi-professionismo. Credo che si debba superare il conflitto tra leghe maggiori e minori: facciamo parte dello stesso sistema. E il processo di rinnovamento passa attraverso una logica di sistema. Con Giorgetti abbiamo parlato di politica sportiva, ho rappresentato alcuni temi che ormai sono noti e sono il mio cavallo di battaglia di tanti anni. Sono convinto che il calcio italiano passi attraverso determinati punti focali, come il semiprofessionismo o l’apprendistato”.

“Abbiamo parlato dell’importanza di dare certezze sull’inizio dei campionati. Poi vanno introdotti punti chiari sulle recidive: chi non paga per due semestri va escluso. Ci sono tanti punti. La riforma del calcio italiano passa attraverso un ruolo importante della FIGC, cerniera con il CONI, la cui funzione va riconosciuta, difesa e valorizzata. Da parte nostra c’è massima disponibilità e massimo rispetto. E bisogna anche lavorare col governo italiano, senza il quale non si può pensare a una riforma”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

2 COMMENTI

  1. Alla Fine tutto come ho forse peggio di Prima. Lo più volte ribadito che a questi Personaggi interessa solo la Poltrona. Ma andate Tutti a Lavorare.

  2. Scusa Angelo neanche tu hai studiato nelle università di Bandecchi….ho forse….o forse….meglio o preposizione semplice!!!
    Comunque tutti più che a lavorare li manderei a zappare.

Comments are closed.