UNDER: da Manneh a Pecorino, ecco la “linfa verde” del Catania

0
398
Emanuele Pecorino

“Si riparta dai giovani”: dopo il successo in rimonta sul Bisceglie si leva un coro unanime riguardo la necessità di coinvolgere maggiormente i calciatori under presenti in squadra. Sotto di un gol e con il morale sotto i tacchi, domenica Novellino ha deciso di dare una sterzata e mandare in campo nel corso della ripresa Pecorino, Valeau e Liguori, i quali hanno ripagato in pieno la fiducia concessa dal tecnico dando un contributo decisivo ai fini del raggiungimento del risultato finale.

Il talento in casa Catania non si esaurisce in quei venti minuti che segnano la rimonta sui nerazzurri stellati, bensì affonda le radici da un lato sulla ricostruzione del settore giovanile coincisa con il ritorno di Pietro Lo Monaco ai vertici dirigenziali e dall’altro sull’obbligatorietà di avere in rosa un determinato numero di calciatori under in base alle norme sui tesseramenti previste in Serie C. Tra coloro che si sono messi particolarmente in luce nel corso di questa stagione spiccano su tutti il “gioiellino” Kalifa Manneh e il terzino sinistro Joel Baraye. Quest’ultimo approdato in Sicilia come rincalzo dell’esperto Scaglia pian piano è riuscito a conquistarsi il posto da titolare.

In questa squadra c’è gente di corsa come Giuseppe Carriero e Lorenzo Valeau, il cui recente impiego è coinciso con l’assenza di Baraye per problemi fisici, e altri ragazzi di talento come Michael Liguori e Fran Brodic, prototipo dell’attaccante moderno capace di abbinare doti tecniche e acume tattico. Menzione speciale per il catanese Emanuele Pecorino, primo “millennial” della storia del club ad esordire in prima squadra e reduce dal Torneo di Viareggio disputato con il Milan Primavera.

Aggregati alla prima squadra vi sono anche il portiere della formazione Berretti Damiano Fabiani, lo strutturato difensore Samuele Bonaccorsi e la mezzala Adis Mujkic, scovato l’estate scorsa dal ds Argurio tra le fila dei norvegesi dello Strømsgodset. Per un Di Grazia che andrà via, c’è un Mattia Rossetti in rampa di lancio che rientrerà a giugno dalla Leonzio e su cui il Catania farebbe bene a puntarci. La valorizzazione di questi ragazzi (basti pensare al passaggio di Lorenzo Di Stefano alla Sampdoria) è la diretta conseguenza dei buoni risultati raggiunti negli anni dal settore giovanile rossazzurro.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***