POCHESCI: “No al ripescaggio di club blasonati. Squadre come il Catania…”

0
7104

L’ex allenatore del Bisceglie Sandro Pochesci si dice contrario all’utilizzo dello strumento del ripescaggio nel calcio, rilasciando alcune dichiarazioni sul tema ai colleghi di tuttocalciopuglia.com:

“Non bisogna toccare le composizioni dei gironi di Serie A, Serie B e C, tanto le retrocessioni avvengono da sole con un sistema molto semplice. Ci sono squadre che sono piene di debiti: chi ha sbagliato nella gestione deve pagare. Mi viene da ridere quando si parla dei ripescaggi nelle città blasonate: il calcio è meritocrazia. A me fa piacere vedere delle piccole società che sono ai massimi vertici: in A c’è il Sassuolo, in B Cittadella e Pordenone mentre in C il Renate sta facendo molto bene. Perché delle squadre devono essere ripescate quando ci sono società, come il Catania, che sistematicamente falliscono dal punto di vista calcistico? Ogni anno fallisce il proprio obiettivo e non riesce a salire di categoria. Bisognerebbe mantenere nei campionati le squadre che sono in regola, soprattutto sotto il profilo dei bilanci. Ormai il nostro calcio è invaso da interessi politici ed economici: non si deve bloccare nulla. Non si deve assegnare lo scudetto a tavolino in Serie A, ci devono essere le promozioni per le squadre che sono prime in classifica dopo tre quarti di campionato; sono d’accordo, anche, sulle retrocessioni: il mondo del calcio farà una selezione naturale”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***