MANNEH: tra mancanza di continuità e buone prospettive, il bilancio dell’esperienza rossazzurra

0
303

Con il raggiungimento dell’accordo contrattuale, fino al 2024, con il Perugia Calcio, Kalifa Manneh si congeda ufficialmente dal Catania (sebbene in realtà l‘addio tra il club di Via Magenta ed il calciatore africano fosse datato 30 Giugno a seguito della scadenza del contratto); sicuramente perdere a costo zero un atleta giovane, di prospettiva e cresciuto tra le giovanili rossazzurre non è poco, ma considerando l’eccessiva discontinuità nelle prestazioni, il trasferimento dell’esterno gambiano verso altri lidi non coglie di sorpresa.

Arrivato in Sicilia come rifugiato, nel 2013 fu ingaggiato per rimpolpare la formazione primavera. Le sue doti di spinta colpirono mister Rigoli che il 12 Febbraio 2017 lo fece debuttare in prima squadra durante la trasferta di Agrigento. Per l’atleta africano la stagione 16/17 si concluse in crescendo, totalizzando altre 4 presenze tutte da titolare. L’anno successivo, con Lucarelli in panchina, arrivò anche la prima gioia con la casacca etnea, timbrando il cartellino nel 2-2 contro il Cosenza. Le buone prestazioni nel campionato precedente fecero sì che per la stagione 18/19 la società puntasse con decisione sul classe ‘98, coinvolgendolo in quasi tutti gli impegni stagionali. Le 37 gare, condite da 3 gol ed 8 assist, ed il successivo debutto in Nazionale (il 7 Giugno contro la Guinea) sembrarono il preludio verso la definitiva consacrazione ma, a sorpresa, nell’estate del 2019 il club etneo lo cedette in prestito alla Carrarese.

Le prestazioni poco esaltanti in Toscana (18 presenze ed 1 gol) determinarono il suo ritorno alle pendici dell’Etna, concluso però senza grossi squilli e con appena 218 minuti di gioco. Infine nella stagione appena trascorsa, dopo qualche difficoltà iniziale, l’esterno offensivo è riuscito a ritagliarsi il proprio spazio indossando la casacca rossazzurra in 21 occasioni ma mettendo a referto solamente 2 marcature ed 1 assist. Nel complesso sono state 92 le partite ufficiali disputate dall’ala africana in Sicilia accompagnate da 6 centri ed 11 assist. Kalifa non è mai completamente sbocciato in maglia etnea, ma adesso che per lui si sono aperte le porte della Serie B, la speranza è che il ragazzo possa finalmente esplodere. Coronando il sogno di giocare a calcio inseguito con costanza e determinazione che lo ha portato, a soli 15 anni, ad abbandonare la propria terra e famiglia approdando in Italia.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***