VERSO CATANIA-MONTEROSI TUSCIA: alla scoperta dei biancorossi

0
204
foto tusciaweb.eu

Archiviato un Febbraio molto intenso, il Catania si prepara ad un mese di Marzo altrettanto delicato ed importante. Se dal lato extracalcistico a tenere banco è ovviamente la vicenda dell’asta fallimentare, dal lato meramente sportivo l’Elefante dovrà ritornare alla vittoria contro il Monterosi Tuscia. L’inedita sfida del “Massimino” si presenta come una ghiotta occasione per distanziarsi nuovamente dalla zona calda (distante appena un punto) e riprendere la rincorsa salvezza dopo il brusco (ed inaspettato) stop contro la Paganese.

Bisognerà mantenere alta la soglia della concentrazione ed affrontare nel migliore dei modi il giovane club laziale (fondato nel 2004) che, nonostante sia alla prima esperienza professionistica della propria storia, non avrà alcun timore reverenziale (11º posto in classifica con 37 punti). I Tori della Tuscia rappresentano la classica mina vagante delle Serie C, capace di mantenere, nelle ultime sei giornate, un ruolino di marcia da primissimi posti grazie alle 4 vittorie, 1 pareggio ed una sola sconfitta. Attenzione dunque ad un avversario da prendere con le pinze e che scenderà al “Cibali” nel tentativo di racimolare altri punti e chiudere quasi definitivamente il discorso salvezza, sognando i Play Off.

Sul piano tecnico-tattico la compagine biancorossa, dopo una prima parte di stagione molto altalenante, ha deciso di esonerare David D’Antoni (in carica da Luglio 2019), affidandosi alle cure del sessantottenne Leonardo Menichini il quale, pur mantenendo il 3-5-2 come ossatura di base, ha impresso una svolta decisiva in termini di risultati, totalizzando 24 punti in 16 giornate (media di 1,5 p.p). Allenatore di grande esperienza cresciuto accanto ad un maestro di calcio come Carletto Mazzone, Menichini ha avuto il merito di dare una precisa identità ai laziali creando uno spogliatoio molto unito e compatto, sviluppando un gioco propositivo ed efficace. Durante il mercato di riparazione il club Etrusco è quindi corso ai ripari rivoluzionando la propria rosa con l’ingaggio di elementi giovani e di grande prospettiva come Caon, Daga, Errico, Milani, Artistico e, soprattutto, Ekuban, ai quali si aggiungono PiroliTartaglia, CostantinoAdamo e Mbende (ex di turno) già presenti in organico. Infine da attenzionare anche la verve realizzativa dall’esperto Rocco Costantino, capocannoniere della squadra ed autore sin qui di 7 reti e 2 assist in 17 presenze.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***