CATANIA: è finita ma questo gruppo è entrato nel cuore dei tifosi. Il popolo rossazzurro non dimenticherà

0
1103

La fine indegna ed indecorosa comminata a 75 anni di tradizione calcistica non può macchiare o cancellare quanto espresso sul rettangolo verde dallo staff tecnico del Calcio Catania. Nonostante le mille difficoltà, le false promesse, gli stipendi non pagati, l’incertezza perenne di non poter completare la stagione, i disagi causati dall’assenza totale di una proprietà, questi ragazzi si sono dimostrati professionisti e uomini seri ed esemplari. Tutti quanti, dal direttore Pellegrino ai magazzinieri, da mister Baldini ad Angelo Scaltriti, passando ovviamente per i calciatori e tutti gli altri collaboratori (tra i quali merita una menzione speciale Armando Pantanelli, in quanto preparatore a titolo gratuito) hanno contribuito e lottato in questi mesi per onorare e rispettare l’Elefante, contrariamente a chi, dall’alto del suo professato “profondo amore”, ha infangato e denigrato i colori rossazzurri.

Nonostante a Gennaio si fosse paventata la possibilità di fuggire dalla nave in tempesta, la quasi totalità della rosa, con l’allenatore in primis, è rimasta saldamente al proprio posto, rifiutando proposte anche economicamente più allettanti pur di rispettare quel legame instauratosi con la tifoseria. In un momento così triste e sconfortante per la piazza etnea, la città non può che ringraziare il gruppo per aver onorato, al meglio delle proprie possibilità, l’ultima pagina di storia del Calcio Catania. Nessun tifoso rossazzurro dimenticherà gli sforzi ed i sacrifici fatti per cercare di portare a termine la stagione, rinunciando anche a parte dei doverosi compensi pur di non concludere anzitempo questa avventura.

Purtroppo tutto ciò non è bastato e, dalla prossima stagione, il Catania sarà costretto a ricominciare da zero ma questo gruppo rimarrà nei ricordi della città, anche per quel che ha saputo trasmettere e dimostrare sul rettangolo verde. Chissà come sarebbero andate le cose se lo spirito di sacrificio, l’amore, il senso d’appartenenza e la professionalità della squadra si fossero tramandati anche alle sfere gestionali-amministrative della vecchia proprietà. Il Catania targato Baldini è riuscito ad alimentare sogni e speranza, facendo riaffiorare delle emozioni così forti che anni e anni di mala gestio avevano sepolto in profondità. Adesso si riparte dal basso, ma il popolo rossazzurro sarà sempre riconoscente verso questi ragazzi.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***