FERRARO: “Siamo il Catania, no cali di tensione. Vincere per società, tifosi e noi stessi”

0
338

Vigilia di Catania-Acireale. Mister Giovanni Ferraro rilascia alcune dichiarazioni, fiducioso che la sua squadra possa ottenere un risultato importante:

“Abbiamo vissuto la consueta settimana di lavoro con grandi motivazioni. Affrontiamo questo derby che è una partita difficile, in campo diremo la nostra, come sempre. Siamo pronti a giocare con il massimo rispetto nei confronti dell’Acireale ma consapevoli di essere il Catania. I granata ci tengono a fare bene, come noi. Dovremo scendere in campo con entusiasmo ed applicazione. Obiettivo fare risultato per la società, i tifosi e noi stessi. L’Acireale è squadra organizzata, motivata, farà la partita della vita come tutte le nostre avversarie, a maggior ragione trattandosi di derby. E’ un gruppo ben allenato, supportato da una società che ha sostenuto degli investimenti impotanti ma io temo il Catania stesso per l’approccio. Sappiamo che più vittorie arrivano, meglio è per il nostro presente e futuro”.      

“Abbiamo recuperato quasi tutti gli infortunati. Domani faremo le opportune valutazioni su chi scenderà in campo, chi partirà dalla panchina e andrà in tribuna. Abbiamo un rosa importante  e tutti dobbiamo essere funzionali al progetto. Stiamo bene, il Catania è in palla. Vogliamo imprimere ritmi alti alla gara. Veniamo tutto sommato da una buona prestazione a Lamezia, avendo mantenuto dieci punti di distanza dai lametini e dobbiamo essere contenti, arrivati a questo punto del campionato. Ci chiamiamo Catania ed i ragazzi lo stanno dimostrando, confermando il loro valore con la classifica attuale”.

“Il Catania ha giocatori abituati a fare questi campionati, non possiamo farci condizionare dal terreno di gioco. Prevalgono testa e gambe, impossibile avere cali di tensione. Poi nel corso della partita o ad inizio gara si possono fare degli accorgimenti, giocando diversamente in base alle condizioni del campo. Formazione? Decido sempre in base alla settimana di lavoro ed alle condizioni fisiche dei giocatori. Sono tutti così importanti che possono giocare allo stesso modo. Riproporre un attacco di soli over? Potrebbe essere un’idea ma non è sicuro al 100% che sarà così. In avanti abbiamo anche Chiarella e Forchignone che, come i vari Vitale, Castellini e Boccia, sono under ma che per me equivalgono allo stato di over. Questa è una fortuna per me”.

“Un pò tutti hanno avuto finora le loro presenze sul rettangolo verde, tranne qualcuno. Alla fine ognuno avrà giocato le proprie partite traendone benefici, sapendo di avere sposato un progetto che prevede che tutti diano il massimo quando vengono chiamati in causa, a prescindere dal minutaggio. Qualora qualcuno dovesse abbassare la tensione, ci sta di mettere dentro chi può sopperire a questa mancanza, avendo a disposizione una rosa ampia e attrezzata. Ricordiamo che devo impiegare obbligatoriamente quattro under e degli attaccanti in rosa, ad esempio, tre giocano e quattro stanno fuori. Dobbiamo tenerne conto”.

“Chiarella? E’ rientrato da martedì col gruppo saltando alcuni lavori durante la settimana e quindi non credo che potrà essere utilizzato dall’inizio. Pedicone? Può essere chiamato in causa. Lo stiamo recuperando, veniva da tanti mesi d’inattività, adesso sta prendendo ritmo e condizione. Tra qualche settimana sarà al 100%. Valuterò con il mio staff i calciatori ritenuti più idonei alla partita”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***