FERRARA: “Catania costruito per creare un’impronta il prossimo anno. Lavoro su me stesso per farmi trovare pronto”

0
823

Ospite nei giorni scorsi della trasmissione sportiva ‘Corner’, su Telecolor, il difensore del Catania Michele Ferrara è tornato sul successo di misura ottenuto contro l’Acireale, analizzando il cammino dei rossazzurri in questo campionato:

“E’ stata una gara difficile domenica anche perchè si giocava un derby, e i derby sono sempre tirati. Poi giocavamo su un campo pesante, con la voglia di vincere siamo riusciti a portare a casa il risultato anche se la prestazione non è stata brillantissima, ma l’importante era incamerare i tre punti. Le occasioni le abbiamo avute. De Luca davanti al portiere ha mancato un gol, Sarao per un centimetro idem, penso anche al rigore non concesso”. 

“Noi la classifica non la guardiamo perchè il campionato è lungo, il Lamezia se vince qualche partita ci può riprendere, ci sono tanti incontri ancora da giocare e quindi ragioniamo di domenica in domenica. Verso metà marzo tireremo le somme. La città di Catania è bellissima. C’è tutto per fare bene qui. La tifoseria non ne parliamo, perchè neppure in C c’è una tifoseria così calda”.

“Tra under e concorrenza è quasi impossibile giocare tutte le partite. Ci sarà sicuramente l’occasione tra infortuni, squalifiche e cambi di formazione. Quando ti alleni al massimo aiuti la squadra stessa a crescere. Siamo quasi tre squadre di categoria superiore ad allenarci, la domenica non troviamo avversari di questa caratura. Chi viene a Catania sa di avere tanta concorrenza, fare meno presenze rispetto ad altri giocatori ti può fare rodere un pò ma ti alleni comunque bene perchè tanto le gare da disputare sono tante e magari la tua chance ce l’avrai comunque”.   

“Personalmente lavoro su me stesso per mantenere alti i ritmi in allenamento e farmi trovare pronto. Io ho un contratto biennale. Ma siamo nei Dilettanti, chiunque abbia un contratto biennale scade perchè se passi nei professionisti non ha validità, ma il Direttore ha costruito questa squadra per creare già un’impronta per il prossimo anno e non stravolgere le cose, poi si vedrà a fine campionato quale sarà il mio futuro”.       

“In Puglia tante squadre tra i professionisti dalla A alla C rispetto alla Sicilia? Magari lì ci sono più persone che vogliano investire nel calcio. Le squadre ci sono anche in Sicilia, basterebbe avere qualche persona in più che investa e magari club come il Siracusa ritornerebbero su, spero noi prima possibile, oppure Trapani e Palermo. Cosa è mancato a Lamezia e Cittanova per vincere? Un pò più di fortuna perchè le occasioni le abbiamo create, anche un pò di convinzione e potevamo vincere non dico facilmente perchè sono avversarie rognose”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***