SETTINERI: “Il Catania proseguirà il percorso senza particolari difficoltà”

0
437
foto ZTL

Ex collaboratore tattico e scout per diverse società di serie A-B-C che ha allenato nei dilettanti squadre come Leonzio, Ragusa e Sancataldese, Alessandro Settineri ha analizzato alcuni temi legati alla partita disputata dal Catania a San Cataldo, ai microfoni di Telecolor:

“In generale non si è visto un gran bel calcio ma ci sta, a volte l’agonismo diventa predominante. Ci si aspettava effettivamente qualcosa in più da parte del Catania nella ripresa, ma bisogna sottolineare anche i meriti della Sancataldese che non ha lasciato campo. I tre finti attaccanti verdeamaranto sono stati aggressivi nella prima costruzione quindi il Catania ha giocato tantissimi palloni lunghi che non sono stati proficui ma molto sterili. Dall’inizio dell’anno è stata la peggiore prestazione dal punto di vista qualitiativo per il Catania. Le uniche volte che il Catania poteva essre incisivo è stato quando ha provato a palleggiare un pò di più. Attaverso il palleggio ha creato delle situazioni fra le linee nel secondo tempo che potevano essere sfruttate meglio”.

“Ferraro è un allenatore navigato, sa che esistone delle partite che prendono una certa scia ed è difficile cambiarle in corso, ed è vero che queste gare a volte si rischia di perderle. E’ vero anche che ti chiami Catania ma esistono pure gli avversari che mettono quel quid in più quando incontrano i rossazzurri. A volte il carico cognitivo viene trascurato, ed invece un calciatore che cerca di giocare sempre per vincere può avere anche una deflessione dal punto di vista mentale o fisico, ma è fisiologico che questo avvenga in qualsiasi squadra. Non c’è bisogno di fare particolari drammi”.

“Brava la Sancataldese ma il Catania proseguirà il proprio percorso senza particolari difficoltà perchè in questo girone l’unico antagonista vero è il Catania stesso. Inutile essere ipocriti, in generale non c’è altissima qualità in campionato, ed il Catania ne ha tanta anche nei cambi. Bisogna solo avere la saggezza, cosa che non manca alla società che è ben strutturata, di proseguire il percorso. Adesso i punti di vantaggio dal secondo posto sono 11, ma questa forbice sarà ancora più ampia secondo me alla fine. Mentre il Catania farà a strada a sè, è bello sottolineare che alcune società siciliane come Sant’Agata e Ragusa stanno seguendo un percorso ottimo. Sono club giovani con gente che vuole ben figurare. Dobbiamo essere felici che ci siano anche altre realtà siciliane piccole che stanno crescendo”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***