L’EDITORIALE – Il Catania formato Lucarelli, seconda vittoria e rilancio

0
657
foto Catania FC

Catania elevato alla seconda, come due – finalmente – sono le vittorie consecutive messe insieme dalla squadra rossazzurra dal momento in cui la guida tecnica è stata assunta da Cristiano Lucarelli. Un caso? Sicuramente no! Anche se il gruppo deve per forza di cose dimostrare ancora tanto trovando una continuità di risultati che vada ben oltre il traguardo appena tagliato.

Era comunque un primo obiettivo da conquistare per accrescere l’autostima e la fiducia degli interpreti della squadra, sia per se stessi sia per il collettivo. Le potenzialità del Catania sono ben note a tutti e, con i giusti accorgimenti a gennaio, si può lottare per competere con le big del girone.

Non è ancora una macchina perfetta questo Catania, anche se ha messo insieme dei valori tecnici che avvicinano la compagine alla categoria di appartenenza. Opportunismo, temperamento e solidità sono i principi cardine del Lucarelli Ter e il gruppo sta lavorando per interpretarli al meglio nel corso delle partite.

Ieri contro il Giugliano una prova di sofferenza, un miglioramento sul piano fisico – anche se ancora c’è del lavoro significativo da fare – una tattica azzeccata per il tecnico livornese che è riuscito a dare alcuni spunti alla difesa per non incassare gol, ma soprattutto è riuscito a dare qualcosa in più in chiave offensiva. Le azioni da rete non sono state prodotte a grappoli ma abbiamo visto una squadra più presente, disposta a cercare la verticalità e capace di segnare in una delle poche vere chance concesse.

Importante la posizione di Rocca: è un concetto – questo – da attenzionare anche in futuro quando si apriranno le porte del mercato. Di Carmine ha dimostrato quanto valga in Serie C avere il fiuto del gol e la capacità di posizionarsi al posto giusto nel momento propizio.

Adesso tra Coppa e campionato altri due impegni ravvicinati e ancora una volta sono attese risposte importanti davanti al pubblico amico, sempre più convinto che Lucarelli sia il capo popolo che serviva a tutto l’ambiente per proiettarsi di nuovo verso l’alto.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***