QUESTORE PADOVA: “Il cancello doveva essere chiuso a chiave, cosa che non è avvenuta…”

0
4161

Il Questore di Padova Marco Odorisio, con riferimento agli episodi che si sono registrati all’intervallo della gara Padova-Catania, spiega:

“Un tifoso ha scavalcato il cancello ed ha aperto il cancello permettendo a una sessantina di ultras di invadere il campo. Non c’è stato nessuno sfondamento. I cancelli dovrebbero essere chiusi a chiave e controllati dagli steward, cosa che non è avvenuta. Il nostro intervento è stato immediato ma ricordiamo che le forze dell’ordine non possono stare dentro lo stadio, oramai da molto tempo. E’ davvero ingeneroso scrivere, come ha fatto qualcuno, che l’intervento è stato tardivo. Al contrario l’intervento pronto ha fatto sì che gli ultras rientrassero nel loro settore”.

“Tre arresti sono stati immediati, altri due sono stati effettuati oggi. Uno di questi era già imbarcato su un aereo diretto ad Edimburgo. Nella curva nord c’erano 1900 tifosi del Catania di cui 400 erano ultras. Tra questi c’erano persone che avevano già precedenti specifici e qualcuno era già stato daspato in passato”, evidenzia”.          

“Non c’è mai stato nessun contatto né prima e neppure dopo il termine della gara, abbiamo identificato 150 ultras del Catania. Proprio ad alcuni di questi sono stati trovati negli zaini ma anche indosso, petardi, lacrimogeni e altro materiale. Ci sono i presupposti per far arrivare loro dei Daspo. C’è comunque tempo entro domani alle 20 e 50 di compiere altri arresti”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***