SPEZIALE: “Per quasi tutto il mondo io sono l’assassino di Raciti, ma fu ucciso da un poliziotto”

0
1718

Riprendiamo da cataniatoday.it uno stralcio delle parole di Antonino Speziale contenute all’interno del docufilm ‘Gioco Sporco – I Misteri dello Sport’, su Italia1, con riferimento al Caso Raciti che portò alla morte dell’ispettatore capo di polizia nel 2007:

“Per quasi tutto il mondo io sono l’assassino dell’ispettore Raciti. Mi è cambiata la vita, mi hanno fatto pagare un omicidio che non ho commesso. Ma sono sereno con la mia coscienza, non ho ucciso Raciti e ho pagato tutta la mia pena fino all’ultimo giorno. Mi piaceva fare scontri. Non ho mai nascosto che il mondo ultras mi è sempre piaciuto, ne ho sempre fatto parte e ne faccio parte tuttora. Uno dei miei sogni più grandi è svergognare l’Italia e far capire l’errore giudiziario che è stato commesso. Non sono stato io a uccidere Raciti ma bensì una manovra sbagliata di un suo collega”.           

Per il legale di Speziale, Giuseppe Lipera, “nell’intercettazione dell’epoca Speziale ammette di essere stato lì ma non c’è alcun riferimento all’omicidio di Raciti. Non vedo da parte sua alcuna ammissione di responsabilità – ha evidenziato – Questa storia non è finita. Mi batterò fino alla mia morte perché venga riconosciuta l’assoluta innocenza di Antonino Speziale. Filippo Raciti è un eroe che è morto in servizio ma Speziale non l’ha ucciso”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***