LA SICILIA – Pelligra: “Catania, nei prossimi mesi passi importanti per progettare una struttura imponente”

0
5271
foto Catania FC

Si appresta a tornare in Australia Rosario Pelligra, ma esclusivamente per motivi di lavoro (ci tiene a sottolineare: «Se fossi in vacanza mi godrei il sole di una Catania che dobbiamo far diventare tutti sempre più bella»). Poi, al quotidiano La Sicilia ribadisce la soddisfazione per avere portato a Catania Domenico Toscano: «Mi è sembrato davvero un uomo determinato. Le sue idee sono coincise subito con quella della società. Chiesi a Grella umanamente che persona fosse. Lui mi ha risposto di non accettare per soldi, ma per la voglia di vincere a Catania. E allora ho subito detto di prenderlo, è la persona giusta».
«Chi lavora nel calcio non vuole perdere. Mai. Stiamo lavorando per fare meglio», aggiunge Pelligra: «Ai tifosi dico che dobbiamo diventare una squadra sola. Tutti insieme».

A proposito del tema legato all’impiantistica: «Nei prossimi mesi compiremo dei passi importanti per la progettazione della struttura che ho in testa. Sì, qualcuno può pensare che due anni sono troppi e magari per una struttura ‘entry level’ potrebbe essere così. In realtà io dico che vogliamo realizzare un’opera imponente che possa restare anche quando non ci saremo più, magari tra cento anni (sorride, ndr) e di conseguenza tutti gli aspetti vanno valutati nei minimi dettagli e richiedono il giusto tempo: c’è un quadro normativo in cui collocarsi, perchè sempre dalla legge per inquadrare la fattibilità; c’è un contesto d’impatto ambientale, che deve essere minimo perchè noi vogliamo valorizzare il nostro meraviglioso paesaggio ed esaltarlo, non modificarlo; c’è un inserimento armonico sul piano urbanistico e sociale di cui tenere conto, perchè questa struttura non deve togliere nulla alla comunità ma è pensata per la comunità e deve migliorare le condizioni e il modo di fare sport dei giovani; c’è un cronoprogramma in più tappe, dall’acquisizione del terreno alla progettazione, alla realizzazione».

«Non amo perdere tempo ma il tempo è necessario per ottenere le cose migliori. Il mio sogno è quello di poter ospitare tanti ragazzini accogliendoli nella famiglia del Catania perchè possano intanto divertirsi. Poi fare allenare tutti nella stessa ampia struttura, sui vari campi. In modo che la prima squadra all’opera venga osservata dai bambini del vivaio. Sarebbe un colpo d’occhio eccezionale per noi tutti».

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***