11 MINUTI FATALI: gli episodi sorridono al Trapani. Catania, solito mal di trasferta. Avanti senza calcoli fino alla fine

1
1419

L’Elefante stecca ancora una volta fuori casa

Era una sfida cruciale per le ambizioni delle due squadre. Un vero e proprio scontro diretto per provare ad avvicinarsi alla Juve Stabia capolista. Come spesso accade in trasferta, purtroppo per il Catania ancora una volta il risultato non premia i rossazzurri. Un derby sostanzialmente equilibrato tra due delle squadre più attrezzate del girone C si conclude con il risultato di 1-0 favorevole al Trapani. Mister Andrea Sottil ed i giocatori etnei intervenuti in Sala Stampa (Rosario Bucolo e Matteo Di Piazza) hanno manifestato tutto il loro rammarico per una sconfitta che ritengono immeritata. A conti fatti, il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Ma è altrettanto legittimo che il tecnico Vincenzo Italiano abbia riconosciuto che la sua squadra non ha rubato i tre punti.

Perchè queste gare vengono spesso decise da episodi. I granata con una giocata fenomenale di Tulli sono riusciti a perforare la forte difesa del Catania, viceversa i ragazzi di Sottil hanno palesato limiti già noti in fase realizzativa: imprecisione e poca cattiveria negli ultimi metri, sfortuna solo in parte (clamoroso il palo di Lodi) perchè quando non segni i demeriti sono soprattutto tuoi. Il Trapani ha posto le basi per il successo nel giro di 11 minuti: tra l’inizio del secondo tempo ed il 56′ è stata l’unica fase dell’incontro in cui l’Elefante si è fatto schiacciare nella propria metà campo soffrendo il ritmo e l’intensità trapanese soprattutto sugli esterni. Poi sul gesto tecnico di Tulli poco da dire, se non fare i complimenti all’attaccante per il gol fenomenale.

Ma Calapai è stato troppo morbido ed inefficace nella marcatura, sugli sviluppi di un cross peraltro non di difficile lettura. Successivamente il Catania ha spinto a pieno organico, come prevedibile Sottil si è giocato tutte le carte a disposizione utilizzando il 4-2-4 nella speranza di pervenire al pareggio. Curiale e compagni hanno fatto il resto, sprecando l’impossibile. Così non resta che leccarsi le ferite e ripartire, con l’amaro in bocca ed un solo obiettivo da raggiungere: vincere il numero più elevato possibile di partite senza calcolare il distacco da questa o quella squadra. Ma dando doverosamente il massimo prima di tutto per i tifosi. Fino alla fine.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***

1 COMMENTO

  1. Il Quarto Posto Rispecchia il Vero Valore di questa Squadra. Lo avevo Scritto da Tanto tempo che il Male di questa Squadra è il Centrocampo, e cosa Vergognosa che la Società nel Mercato di Gennaio non ha Ritenuto Intervenire. Questa è una Squadra Costruita senza un Minimo di Cognizione, i Nomi te li Puoi sbattete dove Sai se non esci gli Attributi ,il Carattere, la Grinta, la Personalità, e il Modo di Approcciare alle Gare. Un Fallimento la Costruzione di questa Squadra, a Cui si deve Aggiungere il Fallimento nella Scelta del Tecnico. Un Allenatore che dopo Venticinque Partite continua ad essere in Confusione Totale, oltre a non Aver saputo dare alla Squadra una Identità di Gioco. Inutile Nascondersi e non ci Prendiamo in Giro, Juve Stabia, Catanzaro, Trapani , e ci metto anche la Reggina, Sono Superiori al Catania. Superiori Soprattutto per L’organizzazione di Gioco e per Come si sono Calati Mentalmente in questa Categoria.

Comments are closed.