DI PIAZZA: tra luci ed ombre, il ritorno a Catania divide la tifoseria

0
501

Come testimoniato dall’esito del nostro sondaggio, il ritorno alle pendici dell’Etna di Matteo Di Piazza ha diviso la tifoseria. Il problema di fondo non riguarda tanto l’aspetto tecnico (la sua esperienza in maglia rossazzurra si è conclusa con 15 gol e 2 assist in 45 presenze) quanto quello caratteriale. Il giocatore palermitano è sempre stato molto istintivo ed umorale, alternando buone prestazioni ad altre deludenti. Questa mancanza di continuità si scontra però con i numeri, che lo identificano come un assoluto protagonista della terza serie (64 centri in 219 partite). A livello personale una delle stagioni più proficue tra i professionisti può essere considerata quella con l’Akragas (32 apparizioni stagionali, condite da 14 gol e 4 assist).

Con le casacche di Pro Vercelli, Foggia e Lecce, invece, il duttile attaccante siciliano è entrato nella storia contribuendo alla promozione dei club in cadetteria. Tra le file dei piemontesi siglò 5 reti in 13 partite mentre, con i satanelli, mise a referto 5 marcature e 3 assist in 18 apparizioni totali. Nella stagione 17/18 fu ancor più decisivo, risultando, grazie ai suoi 15 gol e 3 assist in 37 presenze, uno dei maggiori artefici del trionfo dei salentini in campionato.

Deludente la sua ultima esperienza al Catanzaro. In Calabria il nativo di Partinico non è riuscito a confermare il proprio valore. A testimonianza di ciò troviamo le sole 4 reti e 1 assist in 24 partite. Adesso, ad un anno esatto dal suo turbolento trasferimento alle “aquile”, il club giallorosso lo ha riconsegnato (in prestito secco) all’Elefante, dove l’ex Primavera rossazzurra proverà a riscattarsi e riconquistare l’affetto perduto dei suoi vecchi tifosi.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***