BALDINI: “Complimenti ai giovani e ‘vecchietti’ del gruppo. A Monopoli con lo stesso spirito di Vibo. Vittoria per i tifosi”

0
1134

Dopo le parole di Alessandro Provenzano a commento dell’1-0 inflitto alla Vibonese, riportiamo quelle di mister Francesco Baldini:

“Abbiamo iniziato bene, poi la squadra ha concesso un pò di campo. Dopo la prima interruzione per fare recuperare i ragazzi, abbiamo rimesso a posto i movimenti e siamo rientrati bene. Secondo tempo buono, siamo andati in crescendo e la squadra ha creato diverse occasioni da gol, andando molte volte sul fondo vicino alla porta per mettere palle dentro, ci era mancato l’intervento decisivo. Abbiamo anche sbagliato un rigore e preso una traversa. Sono soddisfatto perchè ho visto lo spirito giusto. I complimenti vanno ai ragazzi per questo spirito messo in campo che ci deve contraddistinguere durante l’intera stagione”. 

“Borriello? Ho deciso di fare giocare lui perchè lo conosco da marzo, è un 2005 che dobbiamo lasciare in pace per consentirgli di crescere nel migliore dei modi. Ha offerto una prova di spessore, soprattutto a livello caratteriale perchè non era semplice per un 16enne. E’ sicuramente un capitale della società. Russo invece è un 2004, Frisenna e Bianco vengono dalla D. Sono ragazzi a disposizione della squadra, non me ne privo perchè hanno uno spirito importante, ed io non guardo la carta d’identità. I complimenti vanno fatti anche a Giosa, Piccolo, Reginaldo, Russotto, Calapai, Pinto, a quelli che stanno cercando in tutti i modi di formare in fretta questo gruppo. Abbiamo perso qualcuno ma sapevo di poter contare su un gruppo di ‘vecchietti’ che si allenano in maniera incredibile e sono un esempio per tutti quanti. Ad un certo punto Reginaldo l’ho schierato anche da mezzala, esterno d’attacco, punta, play. Ripeto, lo spirito evidenziato sul rettangolo verde mi è piaciuto in toto.

“C’è ancora da lavorare tanto su alcuni meccanismi, su alcune scalate in avanti. Lo faremo. Da martedì si penserà anche a lavorare in funzione della gara di Monopoli. Portiamo via da Vibo lo spirito di una squadra che lotta e sa bene che maglia indossa. Non saremo la più forte del campionato ma lo spirito non dobbiamo sbagliarlo mai. A prescindere dal risultato, dai giovincelli in campo e da tante altre cose. I venti tifosi del Catania presenti? Ho giocato in stadi con 80mila spettatori, però riavere anche solo 20 tifosi mi ha emozionato. E’ stato emozionante sentire le voci, cantare, incitare. Dedichiamo la vittoria a loro ed a tutti quelli che non erano a Vibo ma sono sempre stati vicini al Catania”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***