VERSO MESSINA-CATANIA: il successo rossazzurro nell’ultimo confronto in terra peloritana

0
492

La vittoria a Messina nel derby giocato domenica 26 febbraio 2017 rappresenta uno dei pochi momenti di gloria dei recenti trascorsi rossazzurri in Serie C. Fu trionfo sotto la pioggia di fronte a circa seimila spettatori, con oltre cinquecento supporters etnei a gioire dentro il settore ospiti dell’impianto peloritano per un successo maturato nei minuti finali. Sulla panchina etnea sedeva Mario Petrone, subentrato da una domenica all’esonerato Pino Rigoli ma deciso a rimettere il proprio incarico a seguito della successiva sconfitta casalinga con il Melfi.

Il tecnico campano pensò bene di irrobustire il centrocampo con Bucolo e Fornito dall’inizio in quanto la gara si preannunciava combattuta, per di più su un terreno allentato dalla pioggia. Il Messina, fresco di cambio societario con l’arrivo dell’ex patron atletista Franco Proto, era allenato da Cristiano Lucarelli e poteva contare sull’apporto degli ex rossazzurri Musacci, Gladestony Da Silva e Anastasi, i quali crearono i maggiori pericoli alla porta di Pisseri. Il Catania, in inferiorità numerica dall’8′ per l’espulsione di Drausio, nel primo tempo tentò l’affondo con Fornito e Russotto ma senza trovare la via del gol.

La gara si accese nella ripresa. Al 51′ fu provvidenziale l’intervento di Bucolo sulla linea di porta per togliere le castagne dal fuoco. Quattro minuti più tardi l’arbitro indicò il dischetto per un contatto tra Russotto e Anastasi: Milinkovic spiazzò Pisseri dagli undici metri, portando il Messina in vantaggio. Ristabilita la parità numerica per il rosso a Gladestony Da Silva (65′), il Catania si riversò in avanti nel tentativo di ribaltare il risultato. Dopo una punizione di Fornito sventata in angolo dal portiere di casa, gli etnei segnarono con l’ex Pozzebon di testa su cross di Giovanni Marchese (73′). Al 79′ il difensore peloritano Rea fallì l’occasione del possibile 2-1, poi gli ultimi dieci minuti furono di marca catanese. Si passò dalla disperazione per il rigore fallito da Pozzebon al tripudio per l’eurogol di Barisic (tiro di destro in controbalzo) che sancì la vittoria rossazzurra, la seconda in trasferta nel campionato 2016-17.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***