CALCIO SICILIANO: Palermo, dimissioni a sorpresa del vice Presidente che mette in vendita la propria quota

0
268

Fulmine a ciel sereno in casa Palermo. Si dimette il vice Presidente Tony Di Piazza, annunciando la propria decisione su Facebook:

“Mi vedo costretto a comunicare le mie dimissioni da Vice Presidente della SSD Palermo, ruolo autorevole e prestigioso che avevo accettato con grande entusiasmo, proponendo un progetto ambizioso che portasse il Palermo nel Mondo, certo di una maggiore partecipazione e adesione alla quotidiana operatività, direttamente e tramite il mio rappresentante in Italia.

“Ho dovuto purtroppo constatare che una serie di comportamenti hanno impedito che io potessi esercitare il mio ruolo in modo pieno e fattivo per fare della squadra del Palermo un brand internazionale non certo inferiore alle maggiori squadre italiane; in questi mesi ho tenuto per me molte amarezze per non danneggiare la squadra, prendendo atto che su tantissime questioni relative al presente e soprattutto al futuro della società (che io immagino debba essere sempre più ambizioso) mi è stato impedito di dare il mio contributo non venendo mai preventivamente consultato e anzi in alcune occasioni apprendendo addirittura dai media l’assunzione di decisioni che sarebbero dovute essere di stretta competenza del Consiglio di amministrazione di cui ero Vice Presidente”.

“Con questo sfogo, non voglio polemizzare con nessuno e anzi mi scuso con i tifosi che potrebbero essere delusi da questa mia scelta, ed a cui ribadisco ancora una volta la mia grande considerazione, stima e affetto incondizionati, ma è doveroso informare tutti che, in queste condizioni, sarebbe ingannevole continuare a ricoprire un ruolo che non trova rispondenza nella realtà dei fatti“.

Ho purtroppo compreso che probabilmente la mia passione per il calcio ed in particolare, l’ambizione per un GRANDE PALERMO, non può convivere con una mentalità imprenditoriale completamente diversa da quella che mi ha accompagnato nel mio percorso professionale negli Stati Uniti.

Pertanto con grande rammarico, intendo comunicare la mia volontà di valutare possibili interlocutori interessati a rilevare seriamente e consapevolmente la mia partecipazione, assicurando, comunque, che sino alla definizione della mia uscita non farò mancare il mio impegno originariamente previsto, se è il caso lottando e ponendo al primo posto ogni bene per la nostra amata squadra e per la città alla quale sono e resto legatissimo”.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***