VERSO AVELLINO-CATANIA: rossazzurri con quale spirito dopo i passi indietro col Monterosi?

0
556
foto Catania FC

Catania di scena sul campo della quarta forza del girone C. Rossazzurri che non sono ancora scesi dalle montagne russe e si apprestano ad affrontare l’Avellino dopo giorni di critiche legittime, in cerca di un equilibrio e della parola “continuità” che ormai sembra diventata un vero tabù. Un film già visto e rivisto, quello di una squadra che fatica a trovare costanza di rendimento e risultati. A maggior ragione quando si confronta con le “piccole” del campionato, fino ad arrivare al pareggio casalingo stentato con il Monterosi Tuscia.

Il Catania dai mille volti in questa stagione, con quale spirito e mentalità affronterà la difficile trasferta di Avellino? Grintoso, volitivo e carico come piacevolmente riscontrato contro la capolista ed il Rimini, oppure lento, impacciato, privo di idee e con poco mordente come domenica scorsa e tantissime altre circostanze? Ce lo dirà il campo. Sicuramente non sarà agevole il compito per la rosa a disposizione di Lucarelli, al cospetto di un avversario discontinuo (specialmente in casa) che vede allontanarsi sempre di più la vetta della classifica, ma pur sempre di grande valore e con tanta qualità ed esperienza in tutte le zone del campo, che ha preannunciato alla vigilia di opporsi con tanta fame e cattiveria agonistica.

L’indisponibilità di Chiricò si aggiunge a quelle (già note) di Rapisarda, Quaini e Di Carmine. Mister Lucarelli ha spiegato nel post gara di Catania-Monterosi Tuscia che avrebbe fatto meglio a sostituire 11 giocatori rispetto al precedente match di Coppa. Adesso vedremo quali pedine cambierà. Ad esempio Chiarella o Peralta sembrano le soluzioni più adatte per sostituire l’infortunato Chiricò. Bouah, Costantino e Monaco sono altri calciatori partiti dalla panchina domenica, vedremo se qualcuno dei tre (o tutti e tre) giocheranno dal 1′ al “Partenio-Lombardi”. A disposizione anche Ndoj (che ha giocato appena 15’ finora).

Spesso Lucarelli ha modificato la formazione di partenza in questa stagione, ricercando la formula giusta per “accendere” un Catania troppe volte poco aggressivo e intenso, o in grado di esserlo solo a sprazzi. Al di là delle defezioni e di una condizione fisica non ottimale, da chiunque giochi ci si attende una prova di carattere ad Avellino, campo tradizionalmente ostico ma che negli ultimi anni ha dato qualche soddisfazione in più al popolo rossazzurro. Importante provare a fare risultato, dimostrando di essere ancora più affamati dell’Avellino per risalire una classifica poco rassicurante.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***