FUTURO CATANIA: Sigi, attenzione rivolta ai contenuti del bando. Lucarelli e squadra, testa ai Play Off

0
3589

Continua l’attesa di novità sul fronte societario, relativamente alla pubblicazione del bando – su istanza presentata da Finaria – che, di fatto, avvierà la procedura competitiva per definire la cessione del Calcio Catania al miglior offerente. Sigi è in prima fila, inseguendo l’obiettivo da mesi. Vedremo se, a sorpresa, si presenteranno altri soggetti dando vita ad un’asta. Altrimenti, come ribadito a più riprese, la cessione si concretizzerebbe a beneficio della Sigi, ad oggi l’unico gruppo a farsi concretamente avanti. Attenzione, però, al contenuto del bando. Questo è un aspetto per nulla trascurabile poichè, negli ultimi giorni, è avanzata l’ipotesi secondo cui Finaria avrebbe inserito alcune clausole, in particolare in caso di promozione in Serie B e di un eventuale risarcimento in merito alla vicenda dei diritti televisivi che risale ai tempi della A.

Qualora fosse salto di categoria in B – realisticamente difficile ma non impossibile – la valutazione dell’asset registrerebbe un incremento rispetto al valore attuale. Bisogna, inoltre, inquadrare la posizione debitoria degli ultimi mesi. Se è peggiorata al punto da far lievitare la spesa finale per l’acquisizione del club. Da non escludere quindi la definizione di un prezzo, base d’asta, da cui partire superiore al milione di euro proposto dalla Sigi. Sarà anche interessante conoscere dettagli ed ipotetiche clausole su Torre del Grifo Village. Il piano industriale della SpA promossa da Fabio Pagliara e Maurizio Pellegrino prevede un investimento di rilevante entità nell’impianto sportivo etneo, al netto dei debiti e del mutuo da pagare. Soprattutto questo è un aspetto da considerare nel contesto. La Sigi è pronta a riunire il CdA ed immettere ulteriore capitale in base alle cifre che verranno fuori dalla pubblicazione del bando, purchè non risultino eccessive rispetto alla spesa prevista.

Chiudiamo con le vicende di campo. Ieri il Catania si è ritrovato a Torre del Grifo per cominciare a sostenere i test medici in funzione del rispetto dei protocolli sanitari imposti dal comitato tecnico-scientifico e, conseguentemente, dalla FIGC. La squadra non si è presentata al completo nel primo giorno di raduno ma la società prova a convincere gli assenti a prendere parte ai Play Off. Agli ordini di un motivatissimo Lucarelli, che non ha mai nascosto il desiderio di disputare gli spareggi promozione affinchè l’Elefante provasse a giocarsi fino in fondo le sue carte. Lui, che è solito sguazzare nelle difficoltà sentendo il profumo d’impresa anche in situazioni a dir poco complicate.

***CLICCA QUI per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook***